Ricerca nel Blog

VIDEO SPOT PHOENIX CINEMATOGRAFICA CINEMA 4K

https://ricerca.gelocal.it/iltirreno/archivio/iltirreno/2020/06/15/massa-carrara-franco-bigini-un-do...

Franco Bigini, un docufilm dedicato alla città di Massa

MASSA . Un atto d'amore nei confronti della città e della sua voglia di tornare a vivere nonostante l'emergenza Coronavirus. È questo il messaggio trasmesso dal nuovo video girato dal giovane cineoperatore massese Franco Bigini del cineclub Phoenix Cinematografica. Bigini, già autore di "Morte-Dison", documentario incentrato sulla vicenda della Montedison/Farmoplant di Massa e sull'inquinamento chimico residuo del Sin/Sir apuano, presentato lo scorso 5 settembre nel contesto Venice Production Bridge (Forum Fedic) della Mostra del cinema di Venezia, ha appena terminato questo nuovo lavoro dedicato al territorio, a cui hanno collaborato Giulio Marlia, docente di storia e critica del cinema, che ha fatto da consulente per una prima revisione del montaggio e Fabrizio Nizza, fotografo massese, che è intervenuto sul colore e piccoli dettagli di montaggio. Alle riprese video ha collaborato anche Lorenzo Antei, giovane videomaker spezzino, che ha risposto ad un annuncio pubblicato dall'associazione Phoenix Cinematografica prima del lock down. La prima cosa che colpisce del nuovo video di Bigini è proprio l'accurata qualità della fotografia, caratterizzata da immagini molto vive e dall'attenzione per i dettagli, con riprese dedicate a monumenti cittadini, albe, tramonti, giochi di luce all'interno delle fontane. Il regista, grazie ad un sapiente utilizzo del drone, realizza splendide riprese aeree di Massa, dal centro al mare, inserendo anche cartine che riportano il nome delle strade inquadrate. Vediamo cosi piazza Aranci, il castello Malaspina, il Municipio, la redazione de "Il Tirreno", l'ex Banca d'Italia, piazza Bad Kissingen, la torre Fiat, il pontile di Marina di Massa, gli stabilimenti balneari, il centro con alcuni negozi ancora chiusi, la gente che indossa le mascherine per strada e nei parchi, il lavoro mai interrotto degli edicolanti e delle altre attività rimaste aperte, le ambulanze e l'impegno degli operatori sanitari. Tutte testimonianze di un ritorno alla vita da parte di una città che intende superare questo momento critico della nostra storia. Nel filmato ci sono anche interviste a Giulio Marlia ed a Lorenzo Caravello, presidente Fedic. Bigini vorrebbe proiettare il suo film in anteprima alla multisala Splendor, che dovrebbe riaprire a settembre. --d.c.



MORTE - DISON 

Reportage d'inchiesta a Massa Carrara

SCOPO

Il progetto audiovisivo è in fase di sviluppo, diventa indispensabile nella fase di progettazione avere la collaborazione e partecipazione della popolazione Apuana  con testimonianze e interviste, fotografie, video, documentazione.


OBBIETTIVI

Altrettanto indispensabile è la collaborazione con le Istituzioni (Comuni, Province, Regioni e Ministero dell'Ambiente), ma anche degli Enti di competenza sul territorio predisposti ai controlli: sanità e bonifiche, caratterizzazione delle falde e delle acque superficiali i quei terreni potenzialmente inquinati, con le autorità predisposte al monitoraggio ambientale dei fiumi, dei torrenti e del mare. E' fondamentale la collaborazione delle Redazioni Giornalistiche presenti nel territorio della provincia di Massa Carrara e di quelle Nazionali,  delle Televisioni, delle Imprese e Associazioni, dei Comitati presenti nel territorio Apuano che hanno a cuore la tutela dell'ambiente e la salute pubblica.

SOLUZIONI

Di fondamentale importanza sarà la disponibilità di tempo e l'interesse per svolgere la collaborazione in funzione della realizzazione del progetto audiovisivo, proprio per questo è stato realizzato un cortometraggio ed un Teaser per rendere maggiore la comprensione del progetto Film Documentario che andremo a realizzare dal titolo: MORTE-DISON 2


STRUTTURA DEL PROGETTO

Gli argomenti d'interesse per la realizzazione sono: Farmoplant - Montedison: l'impatto sull'ambiente e la salute pubblica, la gestione dei rifiuti tossici e le discariche Antropiche disseminate nel Territorio Apuano, l' inquinamento delle falde acquifere e del torrente Lavello -  Z.I.A (Zona Industriale Apuana) opportunità economico lavorative e conseguenze dell'industrializzazione: 

l'impatto ambientale e sulla salute pubblica (tasso di malattie, tumori e mortalità della popolazione Apuana).




10 Metri più Avanti 

Film cortometraggio d'inchiesta su disabilità trasporti pubblici e barriere architettoniche

Marco Desabbata Attore Disabile Protagonista - Franco Bigini Filmmaker

Foto set di Ida Attolini

Storyboard

#Film cortometraggio di denuncia #sociale sulle problematiche legate ai #disabilidal superamento delle #barriere architettoniche al #trasporto pubblico #locale - #Massa #Carrara.


In Copertina foto di Sergio Fortuna

PITCH

Tutto è iniziato nel mio tragitto in treno da Massa a Lucca, li ho potuto osservare il paesaggio ogni giorno che mi ha ispirato a creare un progetto audiovisivo originale. Ho saputo unire il mio amore per il territorio con le mie capacità cinematografiche professionali, per lasciare qualcosa di me nella mia terra natia. Questo progetto è rivolto non solo ai miei concittadini Apuani, ma anche a chiunque desideri conoscere questo territorio Ligure - Apuano - Lucchese.

It's started in my commute from Massa to Lucca i observed the landscape every day and it inspired me to create an original audiovisual project. I was able to combine my love of the territory with my professional cinematographic skills, to leave someting of me in my homeland. This project is aimed at not only my fellow  Apuanis but olso any one who desires to know abaut this Ligurian - Apuan and Lucchesia territory.

I temi principali sono: la Via Francigena, storica via di comunicazione di commercio e di pellegrinaggio; la ex via Marmifera e le cave di Michelangelo da cui Michelangelo ha estratto i marmi e realizzato La Pietà, la tomba di Giulio secondo, i Prigioni. La Linea Ferroviaria del treno che collega Lucca ad Aulla; vedremo anche le origini del celebre Festival Cinematografico Europacinema. In fine un Reportage sul bellissimo Lago di Massaciuccoli.

The imain themes descrived are: the Historical Francigena Street where many have passed the ex marmifera way and Michelangelo's marble cave from which he made la Pietà, Giulio second's tomb and Prisons. The Train linee conneching Lucca to Aulla We olso see the origins of the celebrated Film Festival Europacinema. It finished with look at the beatifull Lake of Massaciuccoli.


Recensione di Giulio Marlia 
docente di storia e critica cinema 

Film Documentario in concorso al Festival Cinematografico Globo d'oro 2018

"Provincia Apuana e Lucchesia reportage a confronto" è un documentario di Franco Bigini, autore apuano, che al proprio territorio e a quelli confinanti della Lucchesia e della Versilia ha dedicato questo suo primo lavoro. Dopo la prima nazionale in occasione del Luccafilmfestival 2018, il film di Bigini è stato selezionato, nella categoria riservata ai documentari dall' apposita commissione del Premio Globo d 'oro, assegnato dalla stampa estera in Italia. Questo premio è nato nel 1959 (la prima edizione è del 1960) come omaggio al cinema italiano da parte dei giornalisti stranieri operanti nel nostro paese. Oggi è considerato il premio cinematografico più prestigioso per le opere nazionali dopo i David di Donatello e i Nastri d 'argento.

L 'opera di Franco Bigini, grazie a questa selezione, avrà la possibilità di essere valutata dai più importanti giornalisti stranieri e di concorrere ad un ambito riconoscimento. Come anticipato dal titolo, il documentario mette a confronto più territori contigui mostrandone bellezze naturali, storiche e culturali. Il filo conduttore è rappresentato da diversi percorsi che attraversano questi luoghi.

Il primo percorso è quello della via Francigena, che per secoli, è stata la via di transito di innumerevoli viaggiatori e pellegrini. Il secondo percorso è quello delle vie d 'acqua, dalle montagne al mare, senza dimenticare ovviamente il lago di Massaciuccoli, luogo di ispirazione di artisti, tra cui primeggia il grande musicista Puccini, che sulle rive del lago visse e compose molte delle sue celeberrime melodie. L ' ultimo percorso è quello delle linee ferroviarie, che dagli anni trenta, contribuirono a portare a Viareggio centinaia di migliaia di persone in occasione di quel Carnevale divenuto la principale attrazione del territorio. Questi percorsi vengono illustrati (nei loro aspetti storici, naturalistici, culturali, antropici) alternando interviste ad esperti, immagini  d 'epoca ed immagini contemporanee. Sono proprio queste ultime a rappresentare l 'elemento di maggiore suggestione del lavoro di Franco Bigini. Il fascino di questi territori viene testimoniato da immagini cinematografiche che colgono la poesia dei luoghi. Le cave di marmo si vestono di nuvole bianche dei detriti e della polvere marmifera, sospesa a mezz 'aria come una nevicata d 'estate. Il lago di Massaciuccoli viene colto mentre si adagia nella luce di quei tramonti che tanti pittori hanno ispirato e tante melodie del Maestro che a quel luogo ha legato il suo nome. I percorsi di montagna si aprono allo sguardo, tra la luce del sole e le ombre di alberi secolari. Nella stessa opera si offre dunque al nostro sguardo e al nostro ascolto una preziosa lezione di storia, di vita naturale, culturale ed artistica.

http://www.stampaestera.org/…/57-e…/documentari-in...





 
 
 
 
 

Non sei fregato veramente finché hai da parte una buona storia e qualcuno a cui raccontarla.


LETTERA D'INTENTI

Il Film

The Change, Me and My Shadow è un genere biografico (Docu-Fiction), è un progetto che nasce dall'inizio della mia esperienza nel mondo dello spettacolo, nel momento in cui ho capito che le difficoltà per emergere e raggiungere i miei obbiettivi/sogni avevano bisogno di coraggio 
<l'azione che viene dal cuore> , di tenacia, di sacrificio, ma soprattutto di una forte capacità interiore di credere in se stessi senza abbattersi e arrendersi alle difficoltà che la vita ogni giorno ti presenta.  In quei momenti è passata davanti a me tutta la mia vita, ho guardato al passato e mi sono detto:  Franco non puoi continuare così: la mia esistenza non poteva identificarsi in un "cimitero di sconfitte". Quindi ho deciso di dare una svolta alla mia vita,  avrei dovuto farlo con una "metamorfosi interiore e spirituale", un percorso tale da rendere possibile un radicale cambiamento.  Avrei dovuto cominciare a  credere in me stesso e convincermi che un giorno ce l'avrei fatta a realizzare i miei sogni senza arrendermi prima, lottando contro me stesso : la mia ombra (my shadow) che fino a quel momento mi aveva ostacolato. 



TRATTO DAL SOGGETTO DEL FILM

La storia di un giovane adolescente che sognava fin da bambino di diventare un calciatore famoso, ma poi il sogno si infrange e decide di abbandonare per sempre il calcio cadendo presto in una depressione esistenziale. Franco dovrà rifarsi una nuova vita e crearsi un nuovo sogno da realizzare, ma prima dovrà capire che cosa glielo ha impedito.


Franco è un giovane adolescente che vuole diventare un calciatore famoso, riesce ad entrare nella squadra Primavera della Lucchese, si allena in amichevoli anche con la prima squadra che milita nel campionato di calcio di serie B. 

Il sogno sembra raggiunto, ma il suo carattere e l’emotività lo penalizzano fin da subito, inoltre ha comportamenti irrispettosi nei confronti del Mister,atteggiamento che rovina presto la sua carriera ed è cosi' decide di abbandonare il calcio senza cambiare e senza lottare per migliorarsi. 

Depressione, ansia e paure lo affliggeranno, ma Franco proseguirà alla continua ricerca del successo nonostante debba ricominciare tutto da capo con una nuova vita.

Incontrerà nel suo cammino molti ostacoli fino a quando un giorno capirà le vere motivazioni delle sue sconfitte e del suo insuccesso, riuscendo così a dare una svolta alla sua vita: nasce cosi' il fil film documentario autobiografico dal titolo: The Change Me and My Shadow